Sempre sul tempo

G
uardando ai miei scritti di qualche tempo fa, coerente con la mia visione realistica delle cose, preannunciavo una possibile forzata lontananza dal blog. “Sarebbe già bello riuscire a scrivere un articolo a settimana”, dicevo. Sono sempre il solito. Devo per forza di cose mettere le mani avanti, guardare anche la più piccola sfumatura negativa in modo da non staccarmi troppo da terra ed evitare così, la solita delusione. Se il tempo è amico, e lui per me lo è, ti viene in aiuto. Rido di me, perché rileggendomi mi scopro un essere impossibile. Non si può porre un ulteriore limite di tempo al tempo, proviamo ad adeguarci a lui come il liquido all’interno del suo recipiente e così facendo, godremo di esso. Temo che diventerò insopportabile a furia di disquisire sul concetto di tempo ma al momento non riesco a farne a meno. Corriamo, ci affanniamo, cerchiamo di stare a tutti i costi nel tempo. E così abbiamo la sensazione di esserne padroni; lo sfidiamo, a volte vinciamo a volte abbiamo la sensazione di esserne sconfitti. Ma perché regalare al tempo una vittoria a tavolino, senza nemmeno aver combattuto? E’ quello che ho fatto io quando sommerso dalle preoccupazioni per il futuro, già mi vedevo imprigionato dal tempo, soffocato dai suoi tentacoli. Errore madornale, tipico di chi tende a fasciarsi la testa prima di rompersela. Sono strafelice di riuscire a tenere in vita il mio piccolo diario di bordo, non accetterei mai di vederlo ingiallire e poi, come potrei rinunciare a ridere un po’ di me, rileggendomi. L’autoironia è una gran cosa. Mi sto rendendo conto di quanto sia importante. Nasce dall’accresciuta fiducia in sè stessi e dalla necessità di dover condividere un certo tipo di ambiente con qualcuno. Ringrazio quindi ancora il tempo che mi fa scoprire: a volte ridicolo, spesso autoironico, sempre organizzato. Sono sicuro che avrò ancora occasione di capire cosa il tempo vorrà donarmi: lavora su di me, mi invecchia, mi rende in piccola parte saggio, magari a volte insofferente e pedante. Ma di tanto in tanto lascia spazio ad alcuni aspetti della mia persona che ignoravo del tutto. Abbandoniamoci al tempo. Poi , se qualcuno pensa di sconfiggerlo con un colpo di bisturi, beh, cavoli suoi.

Annunci

6 comments

  1. @Paolo: carissimo Paolo, grazie davvero per le tue opinioni sul mio blog.Ne sono onorato ed orgoglioso. Grazie per il premio!!!!! A presto..

    @Giulia: ciao Giulia, ti ringrazio per esserti unita al mio blog e per le belle parole che mi hai riservato. Spero che tornerai a leggermi e condivido in pieno ciò che dici. La scrittura può davvero essere una valvola di sfogo importante. E noi blogger ne sappiamo qualcosa. A presto,
    Enzo

    Mi piace

  2. Ciao Enzo, nuova lettrice! Mi piace il tuo blog, mi piace quello che scrivi, soprattutto perché mi rispecchio moltissimo nelle tue parole. Il mio blog è stato per così dire la mia salvezza in alcuni momenti di forte delusione e di fatica. Tenerlo in vita, scrivere quello che provavo mi ha aiutato molto a superare le difficoltà! 🙂 è un piccolo angolo di paradiso in cui posso stare tranquilla e allo stesso tempo conoscermi meglio… perché forse è anche questo lo scopo di un blog: sia fare conoscenza e condividere emozioni col mondo virtuale che imparare a conoscere se stessi! 🙂
    Avanti sempre così!!!
    a presto..

    Giulia
    L'Odorosa Pantera

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...