Senza filtri

Oggi osservavo dal finestrino i colori della campagna Settembrina. Il panorama, pensavo, ricorda una di quelle fotografie dalle tinte neutre, né filtrate, saturate o rese appariscenti per conquistarsi apprezzamenti. Il tutto mi restituiva un senso di benessere, come una mano delicata che si poggia sui miei occhi stanchi, chiudendomeli. A fronte di una giornata pesante, queste cose riconciliano con la vita. Non amo molto “caricare” le mie fotografie di contrasti oppure esasperarle attraverso i comuni sistemi di modifica. Oggi siamo tutti artisti e non è affatto semplice individuare un seppur genuino talento. Siamo semplicemente alla mercé di valutazioni che lasciano il tempo che trovano; occorre solo trovare la propria strada, capire cosa ci piace fotografare e lavorare sulle proprie inclinazioni. Una metafora. Alzare la testa e fregarsene del giudizio altrui. Sulla giornata di oggi spendo il minimo indispensabile di parole. Ho ripetuto più volte: “Dai, cosa aspettate a tirarmi fuori da qui? A quando questo benedetto trasferimento?”. Un amico di recente mi ha detto: “Non sempre quel luogo che ritieni sicuro e dove pensi di stare bene, corrisponde al meglio per te”. Vero. Per metterla sulla fotografia, ho bisogno di imparare ancora, di testare il nuovo, di capire che sono solo all’inizio. Un nuovo scatto, un altro passo. La parola d’ordine è ancora: evoluzione, cambiare per migliorare.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...