L’albero

L’albero solitario al centro del grande campo di grano è un’immagine che mi restituisce sempre un senso di serenità. Del mio quotidiano pendolare, l’unica cosa che torna a mio vantaggio è guardare dal finestrino. Seguo il corso delle stagioni attraverso il mutare dei colori della campagna e conosco a memoria ogni singolo tratto di prato, le case, le stradine. Lo stesso accade quando pedalo; vivere la vita al passo lento della bicicletta offre mille opportunità, tra cui appunto seguire le stagioni. Ho bisogno di protezione di questi tempi: avverto cambiamenti, mi sento nominare spesso, ora in questo ora in quell’ufficio. Vado via, lo so, ma sia fatto al più presto. Non amo le fasi di stallo. Cerco un po’ di ricovero standomene all’ombra del grande albero al centro dell’altrettanto grande campo. Leggo, penso, ascolto suoni. Quando si fa sera, l’albero diventa una chiacchierata con mamma, e poi un lenzuolo che mi copre fino al collo. Eh si, è finita l’estate. Tempo di cambiamenti, forse. L’anima bambina però, non ha stagioni.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...