Artifizi

Oggi ho (s)venduto la mia vecchia Nikon. Non è stato un addio doloroso sebbene l’avessi da circa sei anni ormai. Eppure io amo la fotografia e, per quanto sia un completo autodidatta, continuo a mantenere una buona dose di motivazione. L’ho ceduta perché ho deciso di “evolvere” ad un livello superiore senza tuttavia la certezza di poter sfruttare al meglio il nuovo prezioso oggetto. Il solo fatto di aver messo lentamente qualche euro da parte, ha generato un tempo d’attesa sufficiente a farmi provare la tipica ansia fanciullesca, in vista di un regalo Natalizio. La parte più razionale di me tenta di convincermi che si tratti di un nuovo (l’ennesimo) acquisto compensativo. Rifletto e dico che non ha poi così torto. Essermi costruito ad arte un futuro prossimo fatto di un godimento  prettamente materiale, la dice lunga sullo stato di insoddisfazione personale. Insomma, un’attesa artificiale finalizzata a distogliere il pensiero dalle solite menate. Si può accettare? Ho ceduto un’utilitaria e ho acquistato una berlina di lusso. Saprò darle tutto ciò di cui ha bisogno, prima fra tutte la benzina della motivazione?

Annunci

5 comments

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...