Zitella acida

Sarà che ho bisogno di rendere meno pesante il rientro al lavoro dopo quattro giorni di vacanza; sarà che le riflessioni sull’amicizia con il tempo sono diventate uno strumento per rilassarsi anziché adirarsi. Il fatto è che mi dedicherò ad una breve e “morbida” dissertazione sulla vacuità dei rapporti virtuali. L’ennesima! Ho pensato al mondo virtuale come ad una zitella acida piena di frustrazioni e sbalzi d’umore, impegnata a mantenere alta l’attenzione su di sé ignorando così facendo, di accentuare l’astio e la diffidenza nei suoi confronti. Qual è la colpa dell’inconsistenza dei rapporti virtuali? E’ semplice, il responsabile è lo stesso virtuale, il fatto di esserne noi stessi parte del suo meccanismo vizioso. Se proviamo a comportarci come “realtà” e facciamo valere la verità sulla menzogna, perdiamo in partenza. Il virtuale è agli antipodi del contatto, della verità o almeno della possibilità di coglierla. Il virtuale è una montagna di promesse che spesso, partorisce un addio silenzioso. Quante ne contate voi? E quante morti lente? Finché staremo là anche noi, saremo parte del gioco. Così finisce un’amicizia mai nata. Ora sono pronto per domani.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...