Alternative

Io ho deciso di non fidarmi più delle mie sensazioni. Ad esempio avverto uno strano malessere al solo pensiero delle possibili evoluzioni (peggioramenti) in campo lavorativo. La questione “trasferimento” sembra aver perso consistenza. Da Febbraio ci sarà un mutamento epocale in materia anagrafica ed io tornerei utilissimo là dove già sono. A questo punto credo sia conveniente (a loro) trattenermi e pericoloso per chi scrive, rimanere. Insomma, ce l’ho in quel posto. Non voglio lasciarmi trascinare dalla puzza di fregatura imminente e mantenere calma e sangue freddo. Fasciarmi la testa prima di rompermela è stato da sempre uno dei miei tanti limiti. A volte il tema “ufficio” riprende vigore approfittando dell’assenza di episodi “sociali”. Non avendo amici reali e dovendo abbandonare le velleità virtuali per tutelare la mia serenità, gli argomenti latitano. Con l’avvicinarsi delle feste il malessere aumenterà e si tratta solo di capire come celarlo al mondo virtuale. Cancellerò tutti gli account oppure millanterò una splendida serenità di circostanza?

Annunci

2 comments

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...