Atterraggio morbido

Ci sono settimane che sembrano viaggi in business class e si concludono con un atterraggio morbido e tanto di applauso al pilota. Questa è stata la mia ultima e non è merito di Trenitalia o di un ufficio stranamente calmo. Il pilota ha guidato bene e si è approcciato al viaggio con sicurezza di sé e coraggio. Alla fine di certe settimane ti senti leggero e pensi che sono momenti rarissimi il cui magico potere andrebbe sfruttato nel migliore dei modi. Ciò che provi (o meglio non provi) dovrebbe renderti piacevole, finalmente disponibile ad aprirti al mondo. C’è una sorta di desiderio di avere tutte le persone cui tieni al tuo fianco per dimostrare loro che sai pure essere felice. Ma non c’è nessuno e forse nessuno saprà di questo stupido momento di serenità. Abbiamo dalla nostra parte solo noi stessi e su di noi dobbiamo costruire un’immagine che di noi, renda giustizia. Quando tutto sembra combaciare ti ritrovi in pigiama, davanti ad uno schermo con l’unica ambizione di chiudere gli occhi. Magari con un sorriso di soddisfazione e la solita speranza di cambiare le cose.

Annunci

7 comments

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...