Tappeto rosso

Da tempo ormai i papaveri rappresentano il simbolo del mio pensiero positivo che avanza. Li vedi a bordo strada mentre pedali, qualcuno fa capolino al centro di distese di prati verdeggianti. Poi a volte lo sguardo incrocia campi dominati di rosso mentre il treno corre verso casa. Comincio a vedere le cose da un altro punto di vista ma, sono sincero, è grande merito della primavera. E se il cielo grigio e l’aria frizzantina che sembra Ottobre lasciassero finalmente posto al sole, l’opera sarebbe compiuta. Sebbene la malinconia ed il rimpianto accompagnino ogni mio quotidiano, nascoste dietro sorrisi di circostanza e abitudini vitali, io non riesco a perdere il vizio di trovare la bellezza nelle piccole cose. Sto praticamente confessando di essere ad un passo (e non è falso) dalla mezza età e da quella salomonica accettazione del mondo. Mi guardo bene dal dire che i miei sensi siano in pace, almeno alcuni. Non posso però negare di aver selezionato con criterio le cose che toccano magicamente le mie corde, i sentimenti. Ne vivo gli effetti privatamente e ciò mi rende felice. Poi c’è tutto un altro mondo: le persone, la vita, i rapporti. Quello però non fa per me.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...