La macchina infernale

E

’ stato un weekend anomalo. Ieri mattina ho rischiato di finire sotto un bilanciere da cinquanta chili ed è andata bene che, per evitarlo, mi sono spostato velocemente inarcando la schiena e poggiando maldestramente la gamba sinistra. Risultato: la programmata passeggiata fotografica del pomeriggio è durata il tempo di un paio di scatti, fino quando le fitte alla schiena me l’hanno concesso. Oggi invece ho benedetto la pioggia che mi avrebbe comunque impedito di salire sui pedali. Dopo tanto mi sono concesso una pennichella pomeridiana; al risveglio è ripartita la macchina cerebrale: bisogna cominciare a programmare qualcosa di simile alle ferie estive. Uno direbbe che è un bel lavorare del cervello, sempre meglio delle paturnie. Peccato che nel mio caso la parola “programma” è quasi sempre fonte di guai o almeno lo diventa quando entrano in gioco gli altri. Avessi le palle per prendere la decisione di fare un viaggio in solitaria non esisterebbe nemmeno la questione. Fare vacanza od il solo fatto di preoccuparsi di organizzarne una, significa comunque essere fortunati; da tempo (circa tre anni) ho preso l’andazzo di prenotare lo stesso albergo nello stesso luogo: che significa secondo voi? Che mi ci trovo bene oppure mi sto adeguando alla non-volontà degli altri di sbattersi per cambiare? E se fosse la solita storia del quieto vivere? Insomma, rinunce, consapevoli accettazioni della prassi; la macchina cerebrale ed il desiderio di evasione non dovrebbero avere nulla in comune. Mi sono imposto di non chiedere, di non pregare nessuno. Magari mi ritrovo a fare la cosa che desidero veramente da tempo: ve ne parlerò.

Annunci

9 comments

  1. Ogni anno mi lamento che vado sempre lì. Che vorrei cambiare ma poi sticavoli
    Chi ce l’ha un bungalow casetta sulla spiaggia come me? Saró anche in “culandia” ma va bene. La nana è contenta l’animazione soft il mare splendido!

    Liked by 1 persona

      1. Si anche per me. In Puglia. A Capitolo. Esci dall’albero e non c’è nulla. Non avendo l’auto perchè andiamo in aereo immagina. Ma si sta bene. Poi visto che siamo di casa c’è la gara al presta macchina

        Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...